echinacea-purpurea-rubinstern-2

Uso medico dell’echinacea

Proprietà officinali

L’uso medicinale di questa pianta si perde nei tempi: gli Amerindi del Nord America usavano il rizoma per curare piaghe e affezioni varie della pelle, ferite da traumi , da morsi dei serpenti, vaiolo, morbillo, parotite epidermica, artrite e preparazione di collutori.
La farmacopea moderna ha esteso le conoscenze popolari attribuendo a questa pianta un ruolo di primo piano nel rafforzamento delle difese immunitarie. Oltre agli usi esterni per scopi medicamentosi o fitocosmetici, l’Echinacea può essere usata anche per il trattamento delle affezioni influenzali e del raffreddore. L’Agenzia europea per i medicinali (EMEA) ha approvato l’uso di estratto di fiori di Echinacea purpurea per la prevenzione a breve termine ed il trattamento del raffreddore. Secondo le raccomandazioni dell’agenzia:

  • Non dovrebbe essere assunto per più di 20 giorni.
  • La somministrazione a bambini di età inferiore ad 1 anno è controindicata, a causa di possibili effetti indesiderati su di un sistema immunitario immaturo o per eventuali allergie alla pianta stessa.

Composizione chimica

I principi attivi si trovano nella radice e sono:

  • chetoalcheni e chetoalchini con derivati idrossilati ;
  • olio essenziale dallo 0.2 al 2%;
  • derivati poliacetilenici;
  • derivati dell’acido caffeico tra i quali l’echinacoside (fino all’11 % mentre la cinarina è assente);

Farmacologia

Le Echinacee sono indicate nei casi di:

  • basse difese immunitarie,
  • comuni sindromi influenzali,
  • trattamento di altre infiammazioni del tratto respiratorio,

Uno studio clinico monocentrico contro placebo eseguito su 160 soggetti, utilizzando una tintura idroalcolica (1:5), pari a 900 mg di radice al giorno ha evidenziato un rapido miglioramento della sintomatologia nella sindrome influenzale. Ulteriori studi hanno messo in evidenza che in caso di infezioni batteriche la durata dello0 stato può ridursi a 9,8 giorni anziché 13 e nel caso di infezione virale a 9,1 giorni da 12,9.
Sulla base di studi in vivo, in vitro e clinici, la Commissione del Ministero della Sanità tedesco ha inserito la radice di Echinacea pallida nelle monografie positive con l’indicazione “terapia di supporto durante le infezioni virali di tipo influenzale”.

Fonte: wikipedia.org

Condividici tramite: